Le ricerche di HeartMath Institute

Logo di HeartMath Institute
HeartMath Institute

HeartMath Institute ha messo in luce il ruolo del cuore nella regolazione del sistema nervoso autonomo e nell’influenzare l’esperienza emotiva.
Molte culture e antiche tradizioni spirituali hanno visto nel cuore la sorgente di saggezza e di emozioni positive ma solo di recente si è visto con le ricerche scientifiche che non si tratta di una semplice metafora.

Il ruolo del cuore

 

Il cuore ha un’influenza particolare sul cervello e sull’intero corpo. Funziona anche come ghiandola ormonale, come organo di senso, e come centro che processa e decodifica le informazioni tramite un sistema nervoso intrinseco molto esteso e sofisticato che ci può far parlare di cervello del cuore.
Il suo circuito neuronale effettivamente rende possibile l’apprendimento e il ricordo e aiuta nel prendere delle decisioni funzionali, indipendentemente dal cervello del cranio.

Le emozioni e il cuore

Le emozioni, infatti, si riflettono nei ritmi del cuore e si parla di variabilità cardiaca. Nelle ricerche di HeartMath Institute si è scoperto che il ritmo del cuore non è monotono, come pensiamo, piuttosto varia dinamicamente momento dopo momento e in relazione con le nostre emozioni.

Il termine Heart Rate Variability (HRV) si riferisce proprio a questa variabilità costante che avviene in modo del tutto naturale nel cuore e che influenza il cervello e il sistema nervoso autonomo.
Si è visto che il ritmo cardiaco risponde in modo importante agli stati emotivi.
Per esempio, nell’esperienza di stress o di emozioni negative, come la rabbia, la frustrazione e l’ansia, il ritmo cardiaco diventa erratico e disordinato indicando una desincronizzazione dell’azione reciproca del parasimpatico e del simpatico.

In pratica, nello stress si diventa  non-sintonizzati e il risultato è l’incoerenza con un aumentato consumo di energia causando uno strappo dell’intero sistema.

 

Il ruolo delle emozioni positive

In contrasto, le emozioni positive, come l’apprezzamento l’amore e la compassione, sono associate a una modalità d’alta coerenza e ordinata nel ritmo cardiaco che riflette una sincronizzazione fra le due branche del sistema nervoso autonomo e un’aumentata efficienza fisiologica.

Raise Your Vibration With Appreciation and Compassion

Di conseguenza, le capacità cognitive più elevate sono facilitate risultando in una maggiore focalizzazione, una  migliore memoria e creatività.

Si parla allora di coerenza fisiologica che si manifesta in una morbida onda sinusoidale del ritmo del cuore e una aumentata sincronizzazione cuore-cervello: le onde alfa del cervello sono più sincronizzate con il battito cardiaco.
Questi cambiamenti fisiologici risultano in uno stato di elevata efficienza determinando una stabilità emozionale, una riduzione dello stress e delle emozioni negative e un aumento delle emozioni positive.

https://www.tonglen.it/media/articoli/Heart-Rate-Variability-HeartMath-Institute.pdf