TRAINING SULLA COMPASSIONE

Training in Compassion.

A resiliency skill for healthcare

Il training sulla compassione secondo la scuola CBCT, descritto in queste slide,  aiuta a sviluppare la “meditazione compassionevole” (CBCT). Infatti, questa tecnica si basa sul concetto che «i sentimenti che abbiamo sulle persone possono essere allenati in modo ottimale», così come insegna Lobsang Tenzin Negi, direttore della Emory-Tibet Partnership, che ha sviluppato questo metodo e coautore di molti studi sull’argomento.

Questo metodo viene insegnato soprattutto agli operatori sanitari.

Logo Emory University Center for Contemplative Science
Emory University – Center for Contemplative Science and Cmpassion-Based Ethics

Le ricerche 

Questi studi, condotti sempre presso la Emory University, hanno mostrato che la tecnica del CBCT è in grado di ridurre lo stress emozionale e aumentare la resistenza psico-fisica sia negli adulti che negli adolescenti a rischio.

«E’ un risultato interessante, e suggerisce che un intervento comportamentale potrebbe migliorare un aspetto fondamentale dell’empatia – spiega la dottoressa Mascaro. Precedenti ricerche hanno dimostrato che sia i bambini che gli adulti, che riescono a leggere meglio le espressioni emotive degli altri, hanno rapporti interpersonali migliori».

A cosa mira il CBCT?

«Il training sulla compassione CBCT mira a condurre la mente nelle condizioni di riconoscere che siamo tutti interdipendenti – aggiunge Negi – e che tutti desideriamo profondamente essere felici e liberi dalla sofferenza».

(da La Stampa, 2012 – L’empatia si sviluppa con la meditazione)

Photo of L.T. Negi Director of Center for Contemplative Science and Compassion
Lobsang Tenzin Negi . PhD, Executive Director of the Center for Contemplative Science and Compassion-Based Ethics at Emory University.